mercoledì, 7 Dicembre 2022
6.9 C
Torino

Roncadelle, padre si barrica in casa col figlio di 4 anni: ha aperto ai carabinieri

L'uomo ha aggredito un assistente sociale rifiutandosi di lasciare il figlio di 4 anni al termine di un incontro protetto. La zona è stata isolata: al lavoro l'unità antiterrorismo, un negoziatore e il procuratore capo di Brescia.

Il 35enne che da mercoledì sera era barricato in casa a Roncadelle con il figlio di quattro anni, ha aperto la porta di casa ai carabinieri: il bambino è uscito e sta bene. In precedenza l’uomo aveva avuto un lungo colloquio con il suo avvocato.

La dinamica degli eventi

Da ieri sera a Roncadelle, nel Bresciano, un padre separato si è barricato in casa con il figlio di quattro anni, strappato dalle mani di una assistente sociale al termine di un incontro protetto. Sul posto sono accordi i carabinieri: l’unità antiterrorismo e un sottufficiale negoziatore dell’Arma. L’area è stata delimitata e transennata e le forze dell’ordine e stanno trattando con l’uomo perché rilasci il piccolo.

Per tutta la notte ha chiesto tempo ai carabinieri prima di aprire la porta e restituire il piccolo. I militari hanno sentito la voce del bambino fino a questa notte alle due, poi, poco dopo le 8, sono riusciti a parlare telefonicamente anche con il padre.

Secondo quanto emerso l’uomo, di origine rumena, stava incontrando il figlio di 4 anni nella casa della madre, a Rodengo Saiano, in provincia di Brescia. Poi avrebbe minacciando l’assistente sociale presente all’incontro protetto, ed avrebbe mostrato anche una pistola, che non è chiaro se fosse vera. Al termine della riunione, si è rifiutato di consegnare il piccolo e poi è fuggito verso la sua abitazione a Roncadelle. L’uomo ha precedenti per violenza domestica.

È molto probabile che a scatenare la sua ira sia stata la decisione da parte del tribunale di affidare il bambino alla madre a causa di “comportamenti violenti” da parte del padre.

Le trattative ad oltranza sono durate tutta la notte e sono ancora in corso. In mattinata è giunto sul posto anche il procuratore capo della Procura di Brescia, Francesco Prete, ed un legale, l’avvocato Alberto Scapaticc

Carlo Saccomando
Carlo Saccomando
Classe 1981, giornalista pubblicista. Poco dopo gli studi ha intrapreso la carriera teatrale partecipando a spettacoli diretti da registi di caratura internazionale come Gian Carlo Menotti, fondatore del "Festival dei Due Mondi" di Spoleto, Lucio Dalla, Renzo Sicco e Michał Znaniecki. Da sempre appassionato di sport lo racconta con passione e un pizzico di ironia. Attualmente dirige il quotidiano "Il Valore Italiano".

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
Pubblicità
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest Articles