lunedì, 5 Dicembre 2022
6.9 C
Torino

Siccità, il Po sempre più secco. Taglio della vegetazione a Torino

Gli indicatori ideo-meto-climatici sono tutti con il segno meno ed indicano la peggior crisi da 70 anni a questa parte. Non sono dunque bastate le ultime piogge a migliorare le condizioni del Po; il bacino del fiume resta in una situazione “grave o estremamente grave”, come ha evidenziato l’autorità bacino del grande fiume.

Una situazione d’allarme che mette in crisi il settore dell’agricoltura del bacino padano, con danni stimati per un miliardo, ed espone a rischi anche il settore idroelettrico e i cittadini.

Neve esaurita sulle Alpi. Richiesta la sospensione nottura dell’acqua potabile

Il bollettino delle autorità sottolinea come la neve sulle Alpi “è totalmente esaurita in Piemonte e Lombardia, i laghi, a partire dal Lago Maggiore, sono ai minimi storici del periodo (eccetto il Garda). La temperatura è più alta fino a due gradi sopra la media. La produzione di energie elettrica è in stallo; le colture, nonostante l’avvio tardivo di 15 giorni della pratica dell’irrigazione sono tuttora in sofferenza”. Uno scenario critico a cui si aggiunge la previsione di mancanza di piogge e il persistere delle alte temperature.

L’attenzione si pone anche per le risorse d’acqua potabile. A tal proposito, Utilitalia in rappresentanza del servizio idrico, chiede ad un centinaio di sindaci piemontesi l’eventuale sospensione notturna per aumentare i livelli dei serbatoi con ordinanze mirate all’utilizzo parsimonioso dell’acqua.

Torino prosegue la potatura del verde acquatico

Intanto, la Città di Torino continua gli interventi di potatura e rimozione della vegetazione acquatica del Po. Una flora che, complice la siccità, continua a crescere in maniera anomala dai mesi primaverili.
Le operazioni di taglio sono già iniziate nelle scorse settimane nel tratto compreso tra la passerella Turin Marathon e il Ponte Isabella e in questi giorni si concentreranno nel tratto tra i ponti Vittorio Emanuele I e Umberto I per terminarsi il 23 giugno. Una terza fase di potatura è prevista per il mese di luglio.

Jessica Scano
Jessica Scano
Classe 1993, laureata in Scienze della comunicazione all'Università degli studi di Torino, giornalista pubblicista. La passione per il giornalismo la spinge a frequentare la Scuola di giornalismo e relazioni pubbliche Carlo Chiavazza di Torino. Ha svolto attività di ufficio stampa ed ha collaborato con diverse realtà del territorio, dalla carta stampata alla radio.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
Pubblicità
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest Articles