domenica, 14 Luglio 2024
5.2 C
Torino

Il Festival Internazionale dell’Economia debutta a Torino

Inaugura oggi la prima edizione del Festival Internazionale dell’Economia a Torino. Il Festival, diretto da Tito Boeri, è un progetto ideato dagli Editori Laterza ed organizzato con il TOLC, Torino Local Committee che riunisce -tra gli altri – Regione Piemonte, Comune di Torino, Fondazione Compagnia di San Paolo, Politecnico di Torino e Unione Industriali.

Ricerca scientifica, pluralismo di idee, divulgazione informale e autonomia da condizionamenti politici ed economici sono gli elementi che caratterizzano il Festival Internazionale dell’Economia che rimarrà a Torino fino al 4 giugno.

Un programma ricco di incontri

Molte le iniziative, 160, con più di 400 persone che parteciperanno alla 5 giorni economica: oltre 100 relatori, di cui il 40% donne, 2/3 gli economisti e 1/3 proveniente dall’estero. Cuore principale del palinsesto del Festival sono le public lectures.

Diversi formati di letture per porre l’attenzione sui temi che affronterà la prima edizione torinese del Festival: visioni, dialoghi, testimonianze provenienti dal mondo dell’economia, della politica, della scienza e del sociale. A tutto questo si affianca il Programma Partecipato: eventi organizzati da istituzioni ed associazioni, locali e non, per mettere in relazione mondi ed esperienze diverse dall’Università al terzo settore al mondo istituzionale.

Un evento di alto livello, insomma, che riflette su merito, diversità e giustizia sociale alla presenza di 5 Premi Nobel: David Card che oggi parlerà di merito e diversità, Micheal Spence che tratterà di dipendenza energetica, Jean Tirole rifletterà sulla giustizia sociale, Esther Duflo parlerà di pandemia e Christopher Pissarides dialogherà con Tito Boeri.

Attese anche figure istituzionali come i Ministri Roberto Cingolani, Vittorio Colao e Elena Bonetti, il commissario europeo Paolo Gentiloni e il presidente della Corte Costituzionale Giuliano Amato, che si alterneranno a grandi nomi non solo del mondo economico-politico come Liliana Segre, Roberto Saviano, Alessandro Barbero e don Ciotti.

Jessica Scano
Jessica Scano

Classe 1993, laureata in Scienze della comunicazione all'Università degli studi di Torino, giornalista pubblicista. La passione per il giornalismo la spinge a frequentare la Scuola di giornalismo e relazioni pubbliche Carlo Chiavazza di Torino. Ha svolto attività di ufficio stampa ed ha collaborato con diverse realtà del territorio, dalla carta stampata alla radio.

Jessica Scano
Classe 1993, laureata in Scienze della comunicazione all'Università degli studi di Torino, giornalista pubblicista. La passione per il giornalismo la spinge a frequentare la Scuola di giornalismo e relazioni pubbliche Carlo Chiavazza di Torino. Ha svolto attività di ufficio stampa ed ha collaborato con diverse realtà del territorio, dalla carta stampata alla radio.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
Pubblicità
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest Articles